Origin of Symmetry – Muse

 28,24

Secondo album dei Muse che arricchisce lo stile del gruppo con sperimentazioni nuove e di successo.

Descrizione

Due dischi molto travagliati compongono Origin of Symmetry, dei britannici Muse, uscito nel 2002. La formazione di tre musicisti guidati da Matthew Bellamy reduce da un primo esordio non del tutto convincente per i tecnici, ma molto di successo tra il pubblico, tenta nuovamente di conquistare la fiducia dei discografici cambiando stile in corsa.

L’alternative rock si riempie di sperimentazioni strane, di suoni duri, di falsetti vocali e citazioni storiche – brani di chitarra alla Hendrix – che non convincono ancora; alla richiesta di togliere alcuni brani, i Muse rifiutano arrivando quasi alla rottura con il discografico. L’uscita di Origin of Symmetry però dà ragione proprio al gruppo e il successo è quasi immediato, al punto che il vinile viene ristampato nello stesso anno aggiungendo anche le canzoni del concerto che lo aveva immediatamente seguito.

Tracce disco 1

  1. New Born – 6:03
  2. Bliss – 4:12
  3. Space Dementia – 6:21
  4. Hyper Music – 3:21
  5. Plug In Baby – 3:41

Tracce disco 2

  1. Citizen Erased – 7:19
  2. Micro Cuts – 3:38
  3. Screenager – 4:21
  4. Darkshines – 4:47
  5. Feeling Good – 3:20
  6. Futurism – 3:31
  7. Megalomania – 4:39

Video del brano Citizen Erased

Informazioni aggiuntive

Artista

Dischi

2

Etichetta

Warner Music Group

Formato

Genere

Sottogenere

Ti potrebbe interessare…

Origin of Symmetry - Muse
Origin of Symmetry – Muse
 28,24