Tutti morimmo a stento – Fabrizio De André

 15,67

Tutti morimmo a stento, primo concept album italiano uscito nel 1968 e dedicato ai poveri, ai criminali e agli ultimi in generale.

Descrizione

Quando uscì, nel 1968, Tutti morimmo a stento fu il primo concept album in Italia, ovvero una narrazione in forma di musica con tutti i brani dell’LP collegati tra loro.

L’esperienza era già in uso all’estero e fu proprio De André a introdurla nel nostro Paese con questo racconto sulla morte spirituale, sociale e morale che rivela già lo stile di questo artista.

Gli ultimi, i derelitti, sono sempre stati i soggetti delle canzoni di De André e con Tutti morimmo a stento diventano protagonisti assoluti i drogati, i condannati a morte, gli infelici, i criminali e i poveri. Tutti hanno una voce in questo album.

Il disco ebbe un successo tale da essere anche tradotto in inglese e venduto sul mercato estero.

I brani simbolo di questo album sono La Ballata Degli Impiccati e Il Cantico Dei Drogati.

Tracce

  1. Cantico dei drogati – 7:08
  2. Primo intermezzo – 1:57
  3. Leggenda di Natale – 3:14
  4. Secondo intermezzo – 1:57
  5. Ballata degli impiccati – 4:23
  6. Inverno – 4:11
  7. Girotondo – 3:06
  8. Terzo intermezzo – 2:12
  9. Recitativo (due invocazioni e un atto di accusa) – 0:47
  10. Corale (leggenda del re infelice) – 5:02

Video del brano La Ballata Degli Impiccati

Informazioni aggiuntive

Artista

Etichetta

Bluebell Record

Genere

Numero dischi

1

Sottogenere

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Tutti morimmo a stento – Fabrizio De André”

Ti potrebbe interessare…

Tutti morimmo a stento - Fabrizio De André
Tutti morimmo a stento – Fabrizio De André
 15,67