Convertire un vinile in digitale

Per svariati motivi non sempre è possibile ascoltare la musica dei nostri amati vinili, contemplando la loro bellissima copertina, seduti comodamente sul divano del nostro salotto.

Fortunatamente, molti giradischi permettono di digitalizzare i dischi in vinile: si tratta di una funzione molto pratica per conservare una copia dei dischi ed ascoltarla anche in formato digitale su uno smartphone o un lettore MP3.

Anche se la resa del suono non sarà identica alla riproduzione analogica è comunque possibile digitalizzare i dischi in vinile in maniera molto semplice.

In questo articolo troverai dei consigli pratici per digitalizzare i tuoi vinili in maniera corretta.

Alcuni dispositivi Hi-Fi sono essenziali per la digitalizzazione di un LP e, per ottenere un buon risultato, bisogna osservare alcune semplici regole.

Prerequisiti per la digitalizzazione dei dischi in vinile

Prima di tutto è importante essere ben equipaggiati e avere prodotti di qualità poiché alcuni dispositivi Hi-Fi sono effettivamente più efficienti di altri per la digitalizzazione dell’audio analogico.

È inoltre necessario assicurarsi che i dischi e gli elementi siano in buone condizioni, in modo che ciò non comprometta la riproduzione del suono.

La puntina e la testina danneggiate o usurate potrebbero influire negativamente sull’ascolto analogico e quindi il suono risulterebbe compromesso anche sulla registrazione digitale.

Allo stesso modo un disco graffiato influenzerà notevolmente la riproduzione, indipendentemente dalla qualità del materiale di scansione che stiamo utilizzando.

Un altro punto molto importante è la pulizia dell’attrezzatura: per ottenere una registrazione di qualità, bisogna assicurarsi che i dischi in vinile e la puntina siano perfettamente puliti.

Specifici prodotti per la cura del vinile e della puntina ti consentiranno di rimuovere lo sporco e le cariche statiche, la manutenzione dei dischi in vinile è essenziale per una qualità di ascolto ottimale.

Digitalizzare dischi in vinile con un giradischi USB

Il sistema più semplice per convertire un vinile in un file MP3 è farlo tramite un giradischi con uscita USB e convertitore da analogico a digitale incorporati.

Questi giradischi dispongono di un preamplificatore Phono USB integrato, di conseguenza è possibile digitalizzare i dischi in vinile direttamente su un computer.

Diversi marchi Hi-Fi offrono giradischi USB che consentono di digitalizzare i vinili.

Modelli di giradischi USB consigliati

319,00€
disponibile
6 nuovo da 249,96€
1 usato da 239,90€
Amazon.it
217,02€
249,99
disponibile
1 nuovo da 217,02€
5 usato da 162,77€
Amazon.it
Spedizione gratuita
225,00€
disponibile
4 nuovo da 225,00€
Amazon.it
Ultimo aggiornamento il 19 Gennaio 2021 11:48

Come funzionano i giradischi USB?

Per digitalizzare i dischi in vinile tramite un giradischi USB, bisogna collegare quest’ultimo al computer utilizzando un cavo USB, appositamente progettato per un passaggio audio di alta qualità.

6,42€
disponibile
1 nuovo da 6,42€
Amazon.it
Spedizione gratuita
6,49€
disponibile
1 nuovo da 6,49€
Amazon.it
Spedizione gratuita
8,99€
disponibile
1 nuovo da 8,99€
Amazon.it
Spedizione gratuita
Ultimo aggiornamento il 19 Gennaio 2021 11:48

Una volta effettuato il collegamento, basterà avviare il software di conversione audio installato in precedenza sul computer e iniziare a registrare.

Digitalizzare dischi in vinile con un preamplificatore Phono USB

Se possiedi già un giradischi che però non dispone di porta USB, puoi scegliere di aggiungere un preamplificatore Phono USB al tuo impianto Hi-Fi, grazie al quale potrai digitalizzare i tuoi vinili.

Si trovano diversi modelli di preamplificatori Phono USB in commercio, di seguito quelli consigliati:

114,19€
disponibile
1 nuovo da 114,19€
Amazon.it
Spedizione gratuita
98,00€
disponibile
2 nuovo da 98,00€
Amazon.it
Spedizione gratuita
112,33€
disponibile
3 nuovo da 80,00€
Amazon.it
Spedizione gratuita
Ultimo aggiornamento il 19 Gennaio 2021 11:48

Come funzionano i preamplificatori Phono USB?

Per digitalizzare i dischi tramite un preamplificatore Phono USB, bisogna collegarlo al giradischi tramite un cavo Phono e al computer tramite un cavo USB.

Il procedimento è lo stesso del giradischi USB: bisogna avviare il software per la conversione e cominciare la digitalizzazione del disco.

Software per registrare i vinili in formato digitale

Audacity è un software di registrazione e editing audio gratuito, particolarmente adatto per trasferire l’audio dei vinili sul computer.

L’utilizzo è abbastanza semplice: una volta collegato il giradischi o il preamplificatore al computer basta avviare il software, selezionare l’ingresso, impostare la frequenza di campionamento almeno a 44.1 kHz e la risoluzione ad almeno 16 bit (in pratica la qualità CD), selezionare un input stereo e avviare la registrazione.

Per una migliore qualità del suono, è consigliabile salvare i file in formato FLAC, WAV o AIFF.

Una volta registrato l’audio, è possibile effettuare piccole operazioni di editing audio per migliorarne ulteriormente la qualità.


Altre guide sui dischi in vinile

Dai uno sguardo a queste ulteriori guide sui dischi in vinile che potrebbero interessarti.

Effetto Larsen

Spesso si sente arrivare e dà subito fastidio, l’effetto Larsen è un feedback acustico che, a causa di un sistema audio impostato (o utilizzato) scorrettamente, crea un fischio che inizia piano e quando aumenta sembra voler rompere i timpani.

Ascoltare la musica in vinile

Molti pensano che i dischi in vinile non vengano più prodotti e che sia molto difficile trovarli sul mercato ma, proprio perché esiste in tanti la voglia di tornare a sensazioni ormai perdute come maneggiare e collezionare dischi in vinile, fortunatamente da qualche anno le case discografiche hanno ricominciato a stampare dischi in vinile.

Share This